Quali creme viso sono insicure quando sei incinta?

I retinoidi

Molte donne in gravidanza non si rendono conto che le creme del viso utilizzano potrebbero causare difetti di nascita o danneggiare lo sviluppo del loro nascituro. Purtroppo, questa è una possibilità. Mentre i prodotti topici di cura della pelle sono generalmente considerati più sicuri dei farmaci per la cura della pelle orale, gli ingredienti possono essere assorbiti attraverso la pelle e nel flusso sanguigno e influenzano il neonato. A causa di questo, alcuni prodotti per la cura della pelle dovrebbero essere evitati interamente durante la gravidanza.

Acido salicilico

I retinoidi sono usati per ridurre le rughe e migliorare il tono della pelle. Si trovano in diversi idratanti antiaging. I retinoidi orali sono noti per causare difetti di nascita, spiega il sito web genitoriale BabyCenter.com. Mentre le creme retinoidi topiche non si sono dimostrate pericolose come le loro controparti orali, non sono state considerate sicure. A causa di questo fatto, la Marcia di Dimes raccomanda che le donne in gravidanza evitino l’uso di tutti i retinoidi, topici e altrimenti, fino a quando non verranno raccolti più concreti sulla loro sicurezza. Tutte le donne in gravidanza dovrebbero controllare le etichette delle loro creme facciali e evitare marche e ingredienti compresi Differin (adapelene), Retin-A, Renova (tretinoin), retinoico, retinolo, retinoyl linoleate, retinile palmitato, tazorac e avage (Tazarotene).

Acido idrossi beta (BHA)

L’acido salicilico tratta alcuni disturbi della pelle, tra cui l’acne. È un ingrediente comune di molte creme del viso, detergenti e toner. Secondo il sito web genitoriale BabyCenter.com, i prodotti con acido salicilico non sono raccomandati per le donne in gravidanza. Le forme orali di acido salicilico sono state dimostrate negli studi per causare difetti di nascita e complicazioni di gravidanza. Mentre nessun studio ha confermato che l’uso di acidi salicilici nelle creme per il viso attivo causerebbe un danno a un bambino non ancora nato, non ci sono anche dati per confermare la sicurezza degli attuali prodotti acidi salicilici. Pertanto, le donne in gravidanza dovrebbero evitare prodotti con le parole acido salicilico elencato sull’etichetta a meno che non sia dato il permesso di utilizzarli da un medico, spiega l’associazione americana di gravidanza.

L’acido beta-idrogeno (BHA) è una forma di acido salicilico ed è utilizzato in alcuni esfolianti di crema topica. Non è noto se l’acido beta-idrossi possa danneggiare un bambino non ancora nato, per cui in genere non è considerato sicuro per l’uso durante la gravidanza. Le donne in gravidanza dovrebbero evitare prodotti con beta idrossiacido o BHA elencati negli ingredienti a meno che un medico non abbia dato il permesso di utilizzarli.